Emilie Collomb affronta un enorme masso sul tracciato di Windham - PH: Michele Mondini

Il tracciato di Windham

Fare una descrizione del percorso di Windham, non è un compito semplice dato che questo è un tracciato un po old style e non si trovano molti passaggi tecnici.

Pochi metri dopo la partenza, all’inizio della salita, troviamo la prima feed zone, quella che io ritengo fondamentale, poi vi spiegherò perché.
Subito dopo inizia un tratto a zig zag in salita che ti permette di addolcire il dislivello positivo della pista di sci alpino.

Emilie Collomb sulla salita del circuito di Windham - New York - Ph: Michele Mondini

Dopo aver fatto una rampa su prato, inizia una parte che alterna parti in falso piano, a tratti in salita, dentro e fuori dal bosco, caratterizzato dal fondo misto pietre radici e molte passerelle in legno.

Emilie Collomb affronta il

Emilie Collomb affronta un enorme masso sul tracciato di Windham - PH: Michele Mondini

In questo punto ci troviamo circa a metà percorso, finora abbiamo affrontato quasi solo salita. Fortunatamente lo scollinamento è poco distante, appena dopo la seconda feed zone, posizionata su un’ampia strada bianca! Ci ritroviamo in una discesa formata da tratti veloci e passaggi nel bosco con pietre radici e sezioni in North Shore.

Emilie Collomb affronta il tratto sassoso  sul circuito di Windham - New York - Ph: Michele Mondini

Da non sottovalutare, nella lunga discesa, è la nuova parte costruita pochi giorni fa : il “Rock Garden”.

Nicolas Jeantet mostra la linea da tenere sulla rock garden - Ph: Michele Mondini
Molto diverso da quelli artificiali e con grandi massi statici e spigolosi, presenti nelle tappe della Repubblica Ceca o del Sud Africa.
Qui sono riusciti a sfruttare una zona naturale. Rimuovendo foglie e sottobosco è affiorata una distesa molto larga di pietre fisse e mobili.
In questo punto ci sono veramente infinite possibilità di interpretazione ed è davvero facile tagliare le coperture.
Dopo il Rock Garden troviamo ancora una parte di single track nel bosco e un ultimo tratto molto veloce che ci porta all’arrivo.

Emilie Collomb e Nicolas Jeantet provano il percorso di Windham - Ph; Michele Mondini

Un tracciato per pedalatori, poco tecnico ma reso insidioso dal terreno friabile, inconsistente e polveroso.
Vedremo molti cambi ruota nella prima Feed Zone situata ai piedi della salita. Da metà gara in poi, dove entrerà in gioco la stanchezza, i riders avranno una guida meno pulita che favorirà errori e forature.

In queste condizioni di asciutto la percorrenza sul tracciato è veramente Fast parliamo di circa 11 min a tornata. Come sempre ne vedremo delle belle, seguite le gare su Redbull tv .
Un saluto
Jeantet Nicolas1

Hey, like this post? Why not share it ?