Il Casale Aronne offre parecchie situazioni per potersi concedere qualche momento di riposo - Ph: Michele Mondini feb 24 2017 · 0 comments · Pensieri · 0

“Il corridore si forma d’inverno”

Finalmente…

durante la scorsa stagione non sono riuscita a fare parte della nazionale italiana, quest anno mi trovo di nuovo tra i convocati degli Azzurri. Che emozione!!!

Qualche giorno fa siamo arrivati in Toscana, Follonica. Abbiamo conosciuto il nuovo CT, Mirko Celestino e il nuovo staff. I ragazzi li conoscevo giá ma rivederli dopo l’inverno e pedalare insieme a loro é sempre divertente e capisci subito se hai fatto una bella preparazione … e come dice Mirko: “Il corridore si forma d’inverno”… 😉

I primi giorni sono stati abbastanza impegnativi, tra uscite lunghe su strada e giri in MTB…
mi sono divertita tantissimo e mi sento giá abbastanza bene sulla mia bici da cross country!! È bello uscire in gruppo, insieme alle ragazze… mi aiuta a capire dove devo ancora migliorare e dove invece sono giá tra le piú forti…

Manca ancora una settimana fino alla prima gara degli internazionali d’italia e devo dire che quando ci penso sento il mio cuore che batte piú forte e mi sento pronta… pronta di dare tutto… anche se é la prima gara della stagione e sicuramente la mia condizione non é ancora al cento per cento, non vedo l’ora di attacchare il numero sulla schiena!

Allora… ci vediamo a Verona!! 😉

Greta

20161216_140612 dic 20 2016 · 0 comments · Greta Seiwald, Pensieri · 1

Red Rocket 🚀

Che dire.. qualche giorno fa, quando sono tornata a casa dopo un allenamento in palestra, ho trovato un paccho grande davanti alla porta di casa… immaginate cosa c’era dentro??? 🙈
Giusto!!! La mia bici Focus Max 🙌😍! La bici più figa che io abbia mai visto. Nonostante l’allenamento alla mattina non potevo non salirci e fare un giro per provarla.. e dall’primo colpo di oedalata  l’ho subito chiamata #REDROCKET !! 🚀
Non vedo l’ora di provarla sui sentieri, in discesa, sui rockgarden… e non vedo l’ora di poterla guidare in gara! 💪
E ora non posso fare altro che ringraziare Focus Xc Italia per questa bici stupenda! Grazie mille ragazzi! 👏👏😊

Greta

img_2424 dic 12 2016 · 0 comments · Greta Seiwald, Pensieri · 1

Eccomi!

Eccomi…
Dopo un paio di settimane non proprio facili per me, ho ripreso gli allenamenti. E che dire… cè tanta tanta voglia di prepararmi al meglio per la prossima stagione. 💪
Ho perso qualche settimana di allenamento perchè mi sono fatta male alla gamba, ma niente scuse… adesso sono ancora più felice di poter allenarmi e apprezzo mooolto di più la mia salute !!!
Però non è stato facile stare ferma a letto e non poter muovere la gamba fratturata.. mi sentivo infelice e vedevo tutto buio..
Grazie a tutti gli amici e alla mia famiglia chei mi  hanno fatto pensare ad altre cose e grazie ai dottori che mi hanno aiutato di riprendermi presto, adesso sono qua in treno per andare in palestra ad allenarmi.. 💪 solo 7 settimane dopo l’intervento…

E adesso vi auguro una buona giornata e ci vedremo presto in sella 😎👍

Greta

image set 01 2016 · 0 comments · Emilie Collomb, Pensieri · 7

Domenica 4 settembre

Iniziamo a scaldare un po’ i motori.. La Gran Paradiso Bike mi aspetta!
Come da tradizione, ogni anno a Cogne si tiene una gran fondo spettacolare di 45km che parte ai piedi del Gran Paradiso per poi arrivare oltre a quota 2000mt.(Non vi sto nemmeno a spiegare perché si chiama “Paradiso” ).
Quest’anno per la prima volta sarò presente anche io, solitamente c’è il Mondiale XCO i primi di settembre, ma dato che sta volta non è così, ne approfitto.
Proprio ieri sono andata a provare il percorso con Eleonore. Che dire, è davvero tosto, ma le discese….che discese! 😀 Credo che qualche mucca o marmotta mi abbia sentito urlare di sballo dopo la salita lunga spacca speranze: oltre ad essere gasata per la discesa, penso che il fatto di aver raggiunto il punto più alto mi abbia rigenerata, però non escluderei nemmeno un calo di zuccheri 😛 .
Sarà dura ma ci divertiremo. :)

lug 06 2016 · 0 comments · Eleonore Barmaverain, Pensieri · 0

Finalmente al mare!🌊

Finalmente ieri sono arrivata con la nave in Sardegna! Qui è veramente stupendo ho già fatto un po’ di bagni nel mare 🌊e questa mattina sono anche andata a farmi un bel giro bici! 😉
Sono circondata dalla natura da una parte vedo il mare azzurro e dall’altra i verdi boschi! 🍃
Adoro questo posto, qui posso allenarmi bene e rilassarmi nel pomeriggio!😍😍😍
Un saluto da Porto Ottiolu !

Elé
IMG_20160705_180556

134A6128 set 11 2015 · 0 comments · Pensieri, Staff · 1

Il mio mondiale

È il terzo campionato del mondo che vivo da team manager e quest’ultimo è quello più amaro. Le previsioni della vigilia erano ben diverse.

Si arrivava dai risultati ecclatanti dei podi di Coppa del Mondo di Lisa e, sperare in un podio non era certo una chimera. Purtroppo Lisa ha trovato una delle giornate più nere possibili che possano capitare ad un’atleta di alto livello ed è stata costretta al ritiro anticipato dalla gara. Amareggiato io e triste lei.

La recuperata Emilie Collomb, che ci aveva regalato buoni risultati in coppa del mondo, in gara nella stessa categoria di Lisa, ci ha provato ancora una volta con determinazione parando la mal sortita con un’onorevole 21° posto.

Ma di questo campionato del mondo che, purtroppo, non può concedere repliche se non alla prossima edizione del 2016, non è da buttare perché il 10° posto nella prova eliminator ed il 7° nel cross country olimpico, guadagnati da Greta Seiwald sono da considerare sempre degli ottimi risultati.

Dobbiamo guardare avanti pensando anche alle cose buone della stagione in corso perché Focus XC Italy Team è costituito da atleti particolarmente giovani è costruito anche sui presupposti della crescita professionale degli stessi.

I risultati ottenuti nei tre anni della mia gestione parlano a favore perché sono state conquistate anche un argento europeo team relay con la maglia della nazionale (Lisa Rabensteiner – 2014), tre maglie tricolori (2014 e 2015), un argento nel cross country team relay (2014), un argento ed un bronzo nel cross country (2015), un argento nella prova cross country eliminator (2015), due vittorie nelle rassegne degli Internazionali d’italia Series XCO 2014 e 2015, il terzo gradino del podio conclusivo nelle prove di coppa del mondo (Lisa Rabensteiner).

Posso concludere serenamente esclamando “la sconfitta segna ma l’esperienza insegna”.

134A1327 set 06 2015 · 0 comments · Debriefing, Emilie Collomb, Pensieri · 4

Worlds Andorra from inside

E mi vedo là, sulla salita del campionato del mondo ad Andorra, che spingo sui miei pedali e tra pioggia e fango cerco di dare del mio meglio, ancora una volta. Il risultato finale non è stato quello che volevo raggiungere, ma essere stata qui, a fare questa esperienza sempre con il sorriso sul volto è un traguardo davvero speciale per me. Per questo ringrazio tutte quelle persone che non hanno mai smesso di credere in me e che mi hanno aiutata e sostenuta sempre. Grazie anche al Focus xc Italy team e agli sponsor come KASK HELMETS, adidas sport eyewear, Soullimit Sportswear, Acqua Pejo, Focus Bikes Italia, fi’zi:k

La stagione è terminata, ma la voglia di lavorare per il mio futuro non molla. 😊
#Enjoyyoursport, #loveyourlife.

A presto!!

Giovanni Munari ispeziona il percorso mondiale di Vallnord - Ph: Michele Mondini set 04 2015 · 0 comments · Emilie Collomb, Lisa Rabensteiner, Pensieri, Pictures, Staff · 2

World Championship under 23 – Vallnord (Principato d’Andorra)

Ragazzi fa davvero freddo, 9 gradi la temperatura, acqua a catinelle e nebbia e sulle vette circostanti il comprensorio montano che ospita il campionato del mondo cross country è scesa copiosa anche la neve. Da tre giorni a La Massana (1600 msl) dove alloggiamo e, a Vallnord (1800 msl) dove è stato realizzato il tracciato di gara, il tempo ci ha sempre accolto nello stessa maniera.  Vanno di moda piumino Soullimit e felpa, i pantaloncini corti sono rimasti nelle valigie e sono purtroppo un flebile ricordo.

Niente di che, se non fosse che alle 13.00 Lisa Rabensteiner ed Emilie Collomb che, stanno ancora riposando ad Ordino nell’hotel che ospita “Casa Italia”, sfideranno le pari età per la conquista del titolo iridato cross country. Il ns. meccanico Nicolas si è preoccupato particolarmente della situazione ed è già salito sul tracciato per una accurata ricognizione per poter dare alle due ragazze le giuste indicazioni di guida ma, sopratutto, per la scelta del pneumatico e la pressione più giuste. Nulla è lasciato al caso ma giove pluvio oggi pare intenzionato a non dare tregua tutto il giorno. Chissà, magari come è successo ieri con la gara donne junior ci sarà una tregua e, allora, sarà più facile gestire il setup delle bici.

ago 31 2015 · 0 comments · Debriefing, Lorenza Menapace, Pensieri · 1

Italiano Marathon 2015

Italiano Marathon 2015….gara epica.

Caldo e polvere l’hanno fatta da padrone a questo Italiano Marathon 2015, mietendo vittime illustri, per problemi fisici causati dalla polvere (nemmeno alla Cape Epic ho trovato tante polvere) e da un caldo assurdo che metteva alla prova la resistenza fisica degli atleti.

Pronti..via ..ore 9.15 si parte, sulla prima salita in asfalto mi ritrovo con le prime in gruppo tranquilla ma appena inizia lo sterrato la polvere alzata dagli elite davanti mi fa sbandare un paio di volte e perdo il gruppetto delle prime donne….con calma e pazienza vedo di recuperare e la salita della Via Sacra (molto adatta a me perchè lunghetta e ripida) mi fa riprendere il gruppetto di testa, dopo 50 min di gara sono ad un minuto da Annabella che guida il gruppo.

Essere senza acqua tra il primo e il terzo rifornimento si è fatto sentire, ma ho cercato di gestire le risorse idriche e quando al 32mo km ho avuto il mio approvvigionamento sono andata via piu serena….

Km 56 svantaggio dalla Gaddoni (quarta) tre minuti….un problema al piede mi fa rallentare…penso se abbandonare la gara o meno, ma quando mi viene comunicato che Annabella è in crisi cerco di non mollare e di continuare a pedalare a testa bassa…siamo alle quasi 4h di gara….non riesco nemmeno a mangiare tanto ho la bocca impastata, bevo e basta….gel e acqua e sali…null’altro…prendo Annabella, ma su quella salita alla “Vecia Ferrovia” non avere qualcuno da seguire da far strada…e l’ ho pagata cara…soddisfatta del risultato…comunque sia ho corso con le mie forze, senza l’aiuto di nessuno…quante ne ho viste….O.o

Ho dato tutta me stessa, il mio cuore, le mie gambe ma soprattutto la mia testa!!

Grazie a Paolo Alberati, la tua telefonata mi ha fatto sentire orgogliosa, e a Cico per essermi stato accanto.

Ed ora c è ancora tutto settembre!!! avanti tutta!

Never ever give up!!!! Lori

ago 26 2015 · 0 comments · Lorenza Menapace, Pensieri · 4

Seconda parte di stagione – here again!

E dopo tre settimane di stop da gare, fatte di allenamenti mirati e di distanza, eccomi alla vigilia della partenza per l’Italiano Marathon.

Ho fatto tutto quanto potevo fare per prepararlo bene, inizio agosto training in quota con lavori giornalieri si 5/6 ore sul Brenta, riposo, allenamenti fuori soglia mirati, forza e resistenza, forza resistenza e chi più ne ha più ne metta.

Ho cercato di recuperare uno stato di forma discreto per un “maratoneta”, mi sono alimentata a dovere, riposato il giusto.

Ora si preparano i bagagli per Nemi e per la seconda parte di stagione, con un settembre ed inizio ottobre da non sottovalutare partendo proprio dall’Italiano.

La mia Raven è pronta (ringrazio Niki per aver fatto la revisione alla mia piccolina)…e domani si parte per la capitale.

Studiero’ in tre giorni il percorso, cercando di capire le insidie che posso trovare, cerchero’ di affrontarlo in modo sereno e deciso….come un guerriero della Luce.

Ora terminiamo questa giornata d’ufficio, una sgambata, qualche ora di sonno e poi si parte.

A presto Lori

Emilie Collomb affronta un enorme masso sul tracciato di Windham - PH: Michele Mondini ago 08 2015 · 0 comments · Emilie Collomb, Pensieri, Pictures, Staff · 1

Il tracciato di Windham

Fare una descrizione del percorso di Windham, non è un compito semplice dato che questo è un tracciato un po old style e non si trovano molti passaggi tecnici.

Pochi metri dopo la partenza, all’inizio della salita, troviamo la prima feed zone, quella che io ritengo fondamentale, poi vi spiegherò perché.
Subito dopo inizia un tratto a zig zag in salita che ti permette di addolcire il dislivello positivo della pista di sci alpino.

Emilie Collomb sulla salita del circuito di Windham - New York - Ph: Michele Mondini

Dopo aver fatto una rampa su prato, inizia una parte che alterna parti in falso piano, a tratti in salita, dentro e fuori dal bosco, caratterizzato dal fondo misto pietre radici e molte passerelle in legno.

Emilie Collomb affronta il

Emilie Collomb affronta un enorme masso sul tracciato di Windham - PH: Michele Mondini

In questo punto ci troviamo circa a metà percorso, finora abbiamo affrontato quasi solo salita. Fortunatamente lo scollinamento è poco distante, appena dopo la seconda feed zone, posizionata su un’ampia strada bianca! Ci ritroviamo in una discesa formata da tratti veloci e passaggi nel bosco con pietre radici e sezioni in North Shore.

Emilie Collomb affronta il tratto sassoso  sul circuito di Windham - New York - Ph: Michele Mondini

Da non sottovalutare, nella lunga discesa, è la nuova parte costruita pochi giorni fa : il “Rock Garden”.

Nicolas Jeantet mostra la linea da tenere sulla rock garden - Ph: Michele Mondini
Molto diverso da quelli artificiali e con grandi massi statici e spigolosi, presenti nelle tappe della Repubblica Ceca o del Sud Africa.
Qui sono riusciti a sfruttare una zona naturale. Rimuovendo foglie e sottobosco è affiorata una distesa molto larga di pietre fisse e mobili.
In questo punto ci sono veramente infinite possibilità di interpretazione ed è davvero facile tagliare le coperture.
Dopo il Rock Garden troviamo ancora una parte di single track nel bosco e un ultimo tratto molto veloce che ci porta all’arrivo.

Emilie Collomb e Nicolas Jeantet provano il percorso di Windham - Ph; Michele Mondini

Un tracciato per pedalatori, poco tecnico ma reso insidioso dal terreno friabile, inconsistente e polveroso.
Vedremo molti cambi ruota nella prima Feed Zone situata ai piedi della salita. Da metà gara in poi, dove entrerà in gioco la stanchezza, i riders avranno una guida meno pulita che favorirà errori e forature.

In queste condizioni di asciutto la percorrenza sul tracciato è veramente Fast parliamo di circa 11 min a tornata. Come sempre ne vedremo delle belle, seguite le gare su Redbull tv .
Un saluto
Jeantet Nicolas

Emilie Collomb e Nicolas Jeantet provano il percorso di Windham - Ph; Michele Mondini ago 06 2015 · 0 comments · Emilie Collomb, Pensieri · 2

News da Windham – il percorso

Here we are in Windham!
Oggi abbiamo cominciato a girare un po’ sul percorso per farci un’idea di quello che ci aspetterà questa domenica alla quinta prova di World Cup. Sono rimasta sorpresa, non mi aspettavo un tracciato così improntato sul “vecchio stile”. Una lunga salita e un’altrettanto lunga discesa fino all’arrivo. Subito mi sono preoccupata, ho pensato che un giro così fisico mi avrebbe messa in difficoltà. Poi però, provando a mollare un po’ i freni in discesa mi sono resa conto che nulla è da sottovalutare: arrivando stanco è facile sbagliare una curva, perder tempo o scivolare. Anche perché il terreno è molto secco e polveroso. Nei prossimi giorni di prova mi concentrerò bene sul memorizzare le traiettorie e sul recuperare la gamba… la Coppa a Mont-Sainte-Anne mi ha lasciato un delizioso mal di gambe.
Vi tengo aggiornati ! 😜

Emilie Collomb e Nicolas Jeantet turisti per un giorno a Quebec City - Ph: Michele Mondini ago 06 2015 · 0 comments · Pensieri, Staff · 1

2 giorni da turisti

Nei primi 2 giorni della settimana abbiamo approfittato del bel tempo e del giorno di riposo per fare un po i turisti in Canada.
Devo ammettere che è stato molto piacevole per una volta non correre e rilassarsi un po’.
Dopo aver passato il lunedì a Quebec city insieme a Emilie, Michele e al Prorider, martedì ci siamo goduti un po la natura che ci circondava e le immense cascate Canadesi.

Mercoledì mattina a causa delle possibili code alla dogana, abbiamo deciso di partire molto presto per effettuare lo spostamento verso gli US. una scelta che si è poi rivelata poi azzeccata solo 6:30 di viaggio contro le quasi 9 di altri team.

Ora che siamo negli USA devo ammettere che il Canada mi è piaciuto molto, si parla il francese, che pensavo di avere dimenticato 🙈 e l’inglese è molto più comprensibile confronto alla pronuncia americana.

Ora andiamo a girare sul percorso a più tardi.

Jeantet Nicolas

Emilie Collomb alle Jean Larose Waterfalls di Mont Sainte Anne - Ph: Michele Mondini ago 05 2015 · 0 comments · Pensieri, Pictures · 2

In Canada come turisti!

Passato il traguardo dell’arrivo della quarta prova di Coppa, la nostra trasferta in Canada è andata a concludersi nel migliore dei modi. La fatica della gara non ci ha fermati davanti alla bellezza delle cascate di Mont-Sainte-Anne! Prima di raggiungerle, da buoni turisti, ci siamo persi un paio di volte con la macchina. Abbiamo trovato poi un sentiero che entrava in un fitto bosco, ci siamo guardati sospettosi e abbiamo preso la coraggiosa decisione di seguirlo a piedi…ma il coraggio si è spinto ben oltre quando abbiamo affrontato le scalinate di legno…oltre ad essere ripide, erano davvero troppe ed io ero stanca morta 😄
Gradino dopo gradino lo scroscio dell’acqua si è fatto sempre più forte, finché una vampata di aria fresca e bagnata mi ha spostato i capelli indietro: eccole lì! Meravigliosamente prepotenti.

Emilie Collomb affronta il secondo tratto della "Beatrice" a Mont Sainte Anne - Ph: Michele Mondini lug 31 2015 · 0 comments · Emilie Collomb, Pensieri · 2

Prova percorso Mont-Sainte-Anne, sensazioni

Oggi ci sono state le prove ufficiali della World Cup a Mont-Sainte-Anne.
Per tutta la notte la pioggia ci ha fatto compagnia ed ero in pensiero perché il percorso è davvero tecnico, bisogna avere un’ottima guida. Non è sufficiente saper prendere le giuste traiettorie, anche affrontarle nel modo giusto, con grinta e determinazione, è importante. Non c’è spazio per il minimo errore !
Questa mattina ho insistito che Nicolas mi mettesse su la copertura da bagnato, per essere più sicura, ma quando siamo arrivati al campo gara abbiamo valutato che il tracciato era fattibile anche con le gomme da asciutto. Ho girato bene, questo percorso mi piace davvero molto, mi trovo a mio agio con tutti i passaggi e questo mi fa pensare positivamente! Penso di poter esprimermi bene qua. Si vedrà 😉